Google ha cambiato la sua strategia sugli aggiornamenti dei Nexus?

Da giorni e giorni su tutti i social media e non solo si continua a spettegolare sulla nuova versione di Android, la 4.4 KitKat, che dovrebbe essere presentata al mondo tra una decina di giorni. E mentre c’è chi sostiene di averla già provata e altri che scattano e pubblicano screenshots alquanto improponibili, Google sorprende tutti e rilascia l’aggiornamento ad Android 4.3.1. La notifica OTA è arrivata ai possessori di Nexus 7 2013 LTE, ma molti sostengono che presto la release sarà allargata a tutti i dispositivi Nexus. Ha Google cambiato la sua strategia in fatto di aggiornamenti?
android 4.3.1

 

Molti di voi ricorderanno tutto il tempo trascorso per passare da Android Gingerbread (2.3) ad Ice Cream Sandwich (4.0). Per non parlare del passaggio a Jelly Bean. Ma con l’arrivo di quest’ultimo le cose cambiano: dopo la 4.1.2 si ha quasi la certezza che arriverà un major update, invece arriva Android 4.2, sempre Jelly Bean. Poche modifiche, bug fixing qua e là e si va avanti attendendo la fantomatica versione 5.0 già denominata Key Lime Pie. Google nel frattempo lancia la 4.3, altro minor minor update per introdurre nel mondo i dispositivi Google Edition, nel caso specifico HTC One e Samsung s4. Ed ecco finalmente la notizia: a metà ottobre arriverà Android 4.4 , si chiamerà KitKat e fa già venire l’acquolina in bocca a tutti gli appassionati di smartphone (e non solo…). E invece no, Google stupisce ancora rilasciando Android 4.3.1, anche questa volta senza che nulla trapelasse all’interno del web, segno che se BigG vuole tenere nascosto qualcosa, lo sa fare molto bene (speriamo sia la stessa cosa con i nostri dati personali, ma c’è chi non è molto fiducioso a riguardo).

Android 4.4

Facendo due più due, risulta chiara la strategia di Google: offrire aggiornamenti sempre più repentini, anche se si tratta di minor update, per innalzare il valore aggiunto dei dispositivi Nexus, che ricevono immediatamente gli aggiornamenti senza aspettare mesi come avviene anche per i possessori di smartphone anche più “blasonati”: se continuano così, ci riusciranno sicuramente.

E per un possessore di un Nexus 4, questa non può che essere una bella notizia.